Brani dai libri

Citazioni

Cronologie

La metafora delle radici nell'identità  delle nazioni

Stampa
PDF

Lo studioso Maurizio Bettini scardina l'idea di tradizione

Nel suo libro edito per Il Mulino, l'autore propone una inversione di tendenza sui miti fondativi delle comuni «culture dei popoli», con illuminanti richiami ai classici
A dispetto di quanto è stato elaborato in un trentennio dagli studi culturali e postcoloniali, ma anche da certa storiografia neomarxista, da molta antropologia critica, dalla geografia postmoderna, dalla sociologia, perfino da un diffuso - ancorché non maggioritario - senso comune democratico, l'argomentazione ufficiale di chi vorrebbe porre rimedio alla crisi degli studi umanistici in Italia fa sovente ancora appello alla questione identitaria. Mantenere una prossimità ideale e una consuetudine con la classicità greca e latina e la tradizione letteraria italiana, preservarne l'insegnamento nella scuola dell'obbligo e nei licei, tutelarne lo studio e la ricerca nelle facoltà umanistiche sarebbe indispensabile, se davvero si vuole conservare e tràdere, tramandare, l'essenza più nobile e alta del nostro carattere nazionale, se si vuole rigenerare il tessuto connettivo sfibrato e lacerato della comunità nazionale. Com'era prevedibile, questa vulgata è stata rilanciata, non senza un sovrappiù di enfasi retorica, in occasione della ricorrenza del centocinquantenario dell'unificazione e all'occorrenza tirata in ballo nell'afflato nazionalistico con cui fronteggiare l'emergenza della crisi economica, occultando conflitti e differenze.
Contro le radici. Tradizione, identità, memoria (Il Mulino 2012, pp. 108, euro 10), scritto da uno studioso di fama e di riconosciuto blasone accademico qual è Maurizio Bettini, va dunque accolto come un auspicio per un'inversione di tendenza, ancorché non si tratti di un contributo antesignano, come si diceva (anche dai classicisti, oltretutto, sono pervenute negli anni passati interessanti riflessioni epistemologiche: La tribù degli antichisti di Andrea Cozzo ne è una delle migliori testimonianze); si tratta di un piccolo e prezioso pamphlet (poco più di cento pagine) che ripropone la necessità di affrancare lo studio della tradizione da qualsivoglia prerogativa identitaria, utilizzandola semmai come viatico e repertorio per decodificare e smentire ogni discorso ideologico che invochi e faccia appello a radici comuni, tradizioni condivise, presunte culture dei popoli. Bettini tiene efficacemente insieme i riferimenti colti alle prime attestazioni della metafora delle radici e dell'immagine verticale dell'autorità (alto e basso), nonché alle loro durature retoriche simboliche - dai Greci alla scuola Bosina della moglie di Bossi - , con gli opportuni richiami all'attualità e alla storia recente (assai efficace quello a una seconda carica della Repubblica che pochi anni or sono redigeva e declamava, in consessi solenni, terrificanti «Appelli per l'Occidente» volti a difenderne le tradizioni «giudaico cristiane e greco-romane» in pericolo); anche per effetto di questo andamento divagante, i fugaci e illuminanti richiami ai classici appaiono assai incisivi. L'autore, ad esempio, torna a ricordarci come quello che ci è stato tramandato come un poema archetipico di un'identità millenaria, l'Eneide, celebri piuttosto le origini meticce e «impure» del mito della fondazione di Roma: troiani e latini si mescoleranno e daranno vita a una nuova progenie; di più: contravvenendo alle consuetudini della Roma augustea, Virgilio immagina che ai padri troiani venga sottratta pressoché ogni prerogativa, per attribuirla alle madri, dalle quali i discendenti erediteranno costumi e cultura. Del resto se ne era ricordato bene Dante, di questo suggestivo mito fondante promiscuo e quasi creolo, quando in apertura della Commedia fa evocare, proprio a Virgilio, Camilla, Eurialo, Turno e Niso, eroi troiani e latini nemici e insieme fondatori dell'«umile Italia».
Proprio a proposito della tradizione letteraria italiana, vero sterminato palinsesto della narrazione identitaria della nazione moderna, la lettura del saggio di Bettini torna di grande utilità: non si tratterebbe di negarne il valore culturale costituente o di occultare l'importanza e addirittura la persistenza di questa idea fondativa (il fatto che l'Italia sia stata, quando non era ancora nazione e ben prima di essere uno stato, un topos letterario, un tema, un motivo, una retorica, un'occorrenza, un'invenzione dei poeti, potrebbe essere un lascito libertario che conserva quasi intatte le sue più lusinghiere promesse future), quanto piuttosto di ragionare ancora su come questo patrimonio sia stato travisato, manipolato ideologicamente, corrotto e misinterpretato dagli usi che ne ha fatto il potere. Tenendo ben presente la lezione di Pierre Bourdieu: «ogni potere di violenza simbolica, cioè ogni potere che riesce ad imporre dei significati e a imporli come legittimi, dissimulando i rapporti di forza su cui si basa la sua forza, aggiunge la propria forza, cioè una forza specificatamente simbolica, a questi rapporti di forza».
In altre parole, se del costitutivo mandato identitario nazionale devoluto alla letteratura italiana, alla sua trasmissione e soprattutto al suo insegnamento si è abbondantemente scritto, forse non si sono ancora ponderate adeguatamente le conseguenze che questo duraturo compito di educazione nazionale ha determinato sulla letteratura stessa, sulla sua ricezione, sulla selezione del canone. Sarebbe tempo di calcolare, insomma, l'entità del tributo pagato dalla nostra tradizione letteraria per questa onerosa mansione, tra interpretazioni forzose dei nostri classici, condizionate dalla grande narrazione' della storia letteraria nazionale 'ufficiale' (così come da una sua controversione ugualmente istituzionalizzata: si pensi a certe letture degli autori meridionali) e accessi ai testi inesorabilmente differiti dagli inquadramenti storico-letterari-ministeriali.
L'indebolimento delle prerogative pedagogico-nazionali dello studio del mondo classico, della letteratura e in generale degli studi umanistici potrebbe offrire inoltre un'occasione propizia per ripensare i loro statuti epistemologici, per aperture ad approcci sovranazionali, a metodologie pluridisciplinari, a un'idea meno ingessata e istituzionale di humanities. E per farci ricordare, una volta di più, anche mercé il volumetto di Bettini, che quello dell'identità nazionale, della tradizione, e della selezione della memoria collettiva non è un discorso metastorico, neutro e assoluto, ma piuttosto storicamente e materialisticamente determinato, parziale e conflittuale, se è vero che per ogni tradizione ufficiale, maggioritaria e dominante, sono esistite, esistono, molteplici alterità oppresse, minoritarie ed emarginate.
«Italia, Italia», invocavano stremati, avvolti nelle coperte termiche fluorescenti, i migranti sopravvissuti a un tragico sbarco sulle coste adriatiche alcuni mesi fa. A chi ha memoria del III canto dell'Eneide, quelle parole suonano quasi come il grido che i compagni dell'eroe troiano, profughi anch'essi, levarono all'apparire delle coste del Lazio, approdo agognato al termine di una drammatica traversata: Humilemque videmus / Italiam. Italiam primus conclamat Achates; / Italiam laeto socii clamore salutant (Aen., III, 522-524). Eccole, le nostre radici.

Comments

Name *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Submit Comment