Proibizionismi

Si terrà oggi a Pisa la 15esima edi­zione di Cana­pisa, la street parade anti­proi­bi­zio­ni­sta che ogni anno porta a mani­fe­stare in città a ritmo di musica migliaia di per­sone. L’edizione di quest’anno non è stata esente da pole­mi­che poli­ti­che e pre­scri­zioni da parte delle isti­tu­zioni. Anche a causa delle ele­zioni del pros­simo fine set­ti­mana. Il 19 mag­gio men­tre nel cen­tro città veni­vano rac­colte le firme con­tro la mani­fe­sta­zione, in par­la­mento il vice­pre­si­dente del senato, il for­zi­sta Mau­ri­zio Gasparri, pre­sen­tava un’interrogazione al mini­stro dell’interno, Ange­lino Alfano, per chie­der­gli «le ragioni per cui sia stata auto­riz­zata» ma anche «se sia a cono­scenza di quali siano le gene­ra­lità, quan­to­meno degli orga­niz­za­tori e dei finan­zia­tori della mani­fe­sta­zione, non­ché, ove pos­si­bile, dei par­te­ci­panti, con par­ti­co­lare riguardo a quanti abbiano già ripor­tato con­danne per reati con­nessi all’uso o allo spac­cio di sostanze stu­pe­fa­centi». In pra­tica, una richie­sta al Vimi­nale di infor­marsi presso la Que­stura di Pisa su chi siano gli orga­niz­za­tori e una velata richie­sta di isti­tuire posti di blocco per con­trol­lare i mani­fe­stanti. Pro­prio in Que­stura, gio­vedì, agli orga­niz­za­tori sono state quest’anno impo­ste tutta una serie di pre­scri­zioni: dalle varia­zioni di per­corso al divieto di som­mi­ni­stra­zione, anche a titolo gra­tuito, di bevande alco­li­che.
«Come ogni anno, tutti e 7 i carri musi­cali rega­le­ranno l’acqua, faremo una chill out e ci saranno due mezzi con ope­ra­tori che si occu­pano della ridu­zione del danno visto che noi siamo anti­proi­bi­zio­ni­sti su tutte le sostanze», com­men­tano gli orga­niz­za­tori.
L’appuntamento è per le 16 nel piaz­zale della sta­zione con arrivo in un altro luogo sim­bolo, una piazza di fianco al car­cere cit­ta­dino «don Bosco», in soste­gno al 40% dei dete­nuti e alla metà degli stra­nieri finiti die­tro le sbarre per reati con­nessi agli stupefacenti.

Oggi a Udine si svolge l’ultima udienza del pro­cesso che vede impu­tato Filippo Giunta, lo sto­rico orga­niz­za­tore del Roto­tom Sun­splash, per age­vo­la­zione del con­sumo di sostanze durante l’edizione del Festi­val del 2009, l’ultima ad essere orga­niz­zata a Osoppo nel parco del Rivellino.

Un pro­cesso ini­ziato sull’onda repres­siva della Fini-Giovanardi e di una furiosa cac­cia alle streghe.

A seguito dell’assedio lan­ciato dalle forze dell’ordine durante quell’edizione, furono effet­tuati 103 arre­sti fra i 150.000 fre­quen­ta­tori del festi­val ai sensi della nuova nor­ma­tiva anti­droga. Per lo più con­su­ma­tori di can­na­bis, vero obbiet­tivo della legge. Un assurdo acca­ni­mento nei con­fronti del Festi­val che coin­volse anche Ispet­to­rato del lavoro, Vigili del Fuoco, Noe, Nas, Finanza, Vigili urbani di vari comuni, tutti impe­gnati a tro­vare fan­ta­siose irre­go­la­rità nell’organizzazione del Rototom.

Oggi Giunta, assi­stito dagli avvo­cati Ales­san­dro Gam­be­rini e Simona Filippi, sarà in tri­bu­nale per ren­dere la sua testi­mo­nianza e forse per ascol­tare la sen­tenza. Siamo con­vinti che si arri­verà ad una piena asso­lu­zione ma un grave delitto è stato far per­dere ad Osoppo un gran­dis­simo evento musi­cale e culturale.

Il Friuli, terra di Pier Paolo Paso­lini, Loris For­tuna e Bep­pino Englaro, è stato pur­troppo il tea­tro di una ope­ra­zione repres­siva e di cen­sura di un’intera comu­nità, col­pe­vole di amare il reg­gae e quindi la can­na­bis, per una sup­po­sta pro­prietà tran­si­tiva fan­ta­sio­sa­mente appli­cata al diritto penale.

Osoppo rim­piange il suo Festi­val, che aveva garan­tito più di 500.000 euro di inve­sti­menti regio­nali sul Parco del Rivel­lino, e che secondo stime de il Sole 24 ore faceva girare fra i 5 e i 7 milioni di euro. Un rim­pianto per gli ammi­ni­stra­tori di Osoppo, che insieme all’intera comu­nità locale e ad un vasto movi­mento di arti­sti, intel­let­tuali e atti­vi­sti si sono schie­rati nel tempo al fianco degli orga­niz­za­tori sotto lo slo­gan «Non pro­ces­sate Bob Marley».

Del resto in Spa­gna a Beni­cas­sim, dove è emi­grato nel 2010, il festi­val è cre­sciuto con­ti­nua­mente con­fer­man­dosi come il Festi­val Reg­gae più impor­tante d’Europa incre­men­tando le pre­senze sino alle 240 mila dello scorso anno. L’Università di Castel­lon ha sti­mato una rica­duta eco­no­mica sul ter­ri­to­rio di circa 24 milioni di euro. Anche per que­sto dif­fi­cil­mente Roto­tom tor­nerà in Ita­lia. Insomma Osoppo, il Friuli e l’Italia hanno perso, a causa dell’ottusa foga proi­bi­zio­ni­sta, non solo un grande evento musi­cale e cul­tu­rale, ma anche una grande risorsa per l’economia locale.

Con la sen­tenza di oggi ci augu­riamo si com­pia un ulte­riore passo verso la scon­fes­sione delle poli­ti­che proi­bi­zio­ni­ste ita­liane, almeno nelle aule dei tribunali.

Men­tre il mondo guarda avanti, oltre la «war on drugs», le sue vit­time ed i suoi palesi insuc­cessi, in Ita­lia il dibat­tito sulla riforma della poli­tica sulle dro­ghe fatica ad arri­vare sui tavoli della poli­tica nono­stante la Fini-Giovanardi sia ormai stata can­cel­lata dalla Corte Costituzionale.

Se in Par­la­mento qual­cosa si muove, con la costi­tu­zione di un inter­gruppo per la lega­liz­za­zione della can­na­bis recen­te­mente pro­mosso da Bene­detto Della Vedova, il Governo pare voler far finta di niente.

Il Car­tello di Genova sta met­tendo a punto un calen­da­rio di ini­zia­tive con al cen­tro la pub­bli­ca­zione di un nuovo Libro Bianco sugli effetti della legge anti­droga. La Società della Ragione intende aprire il con­fronto su una nuova legge sulle dro­ghe, pro­prio da Udine.

Un appun­ta­mento fon­da­men­tale, per costruire una posi­zione ita­liana seria e rifor­ma­trice in vista di Ungass 2016, la ses­sione Onu sulle dro­ghe pre­vi­sta per il pros­simo anno.

Dopo 8 anni di Fini-Giovanardi dove esi­steva «l’istigazione al con­sumo», che ha por­tato addi­rit­tura i festi­val (vedi il «reg­get­taro» Roto­tom ad abban­do­nare l’Italia), la 15esima edi­zione ita­liana della Mil­lion Mari­juana March diventa stan­ziale. Den­tro Roma, alla Città dell’altra eco­no­mia, ieri dalle 13 a notte diverse migliaia di per­sone sono scese in strada per dire no al proi­bi­zio­ni­smo, per riba­dire il diritto alla col­ti­va­zione di un pianta. Una legge infatti, per l’appunto la Fini-Giovanardi, con­si­de­rata la più proi­bi­zio­ni­sta d’Europa, appro­vata nel 2006 inse­rita abil­mente nel decreto sulle Olim­piadi inver­nali di Torino del 2006, per poi essere appro­vata a Camere sciolte e con dop­pio voto di fidu­cia dal terzo governo Ber­lu­sconi, è stata dichia­rata inco­sti­tu­zio­nal nel feb­braio del 2014. «È tra­scorso un anno da quando i giu­dici hanno messo nero su bianco que­sta cosa — spie­gano gli orga­niz­za­tori — e in car­cere tut­tora restano migliaia di per­sone che sono state con­dan­nate in base a una legge non più in vigore».
È così in molte città, dove sol­tanto con l’intervento di un avvo­cato il pro­ce­di­mento viene avviato. «In Ita­lia non siamo tutti uguali davanti alla legge», denun­ciano i pro­mo­tori. La norma in que­stione, pre­ve­deva ad esem­pio l’inversione dell’onere della prova, in pra­tica il dover dimo­strare di non essere uno spac­cia­tore ma un con­su­ma­tore. Dopo aver letto quella parte si dice che nei palazzi del potere euro­peo siano sal­tati dalle sedie.
«Con quella legge – con­ti­nua la rete ita­liana anti­proi­bi­zio­ni­sta che ogni anno orga­nizza que­sto evento — l’Italia si era posta al di fuori per­sino dei pila­stri euro­pei in mate­ria, che pre­ve­dono poli­ti­che di ridu­zione del danno e soprat­tutto del rischio. In pra­tica quelle che ser­vono a tute­lare la salute delle persone».

Momenti di ten­sione si sono regi­strati con i ven­di­tori abu­sivi. Susci­tando diverse pole­mi­che quest’anno anche l’edizione ita­liana era diven­tata un hap­pe­ning stan­ziale, in un’area pub­blica, abban­do­nando la mani­fe­sta­zione in stile «street parade». Una scelta ana­loga era stata fatta da tempo in altre parti del mondo (oggi la stessa mani­fe­sta­zione si è svolta in quasi 700 città). Gli orga­niz­za­tori ci ten­gono a dire «sarà così, almeno per ora».

Il motivo lo si è visto poche ore dopo l’inizio dell’iniziativa. Quando i ven­di­tori della camorra, che imper­ver­sano in tutte le mani­fe­sta­zioni capi­to­line, hanno ini­ziato a inva­dere lo spa­zio per ven­dere da bere e in que­sto caso anche erba. La musica è stata spenta. «Doveva rea­gire la piazza — spie­gano ancora gli orga­niz­za­tori — quelli che ven­gono qui dovreb­bero avere la con­sa­pe­vo­lezza di cosa signi­fica essere con­tro le mafie, con­tro il “sistema”». È ser­vito con­trol­lare gli ingressi, per una mani­fe­sta­zione che va spe­ci­fi­cato è total­mente gra­tuita, per far sì che i ven­di­tori abu­sivi restas­sero all’esterno, pra­ti­ca­mente tutti pro­ve­nienti dell’hinterland partenopeo.

In quella che è diven­tata una piazza a favore dell’autoproduzione con 7 sound system, le asso­cia­zioni che si bat­tono per la qua­lità della vita e l’ambiente, work­shop infor­ma­tivi, dibat­titi, auto­pro­du­zione agroa­li­men­tare a chi­lo­me­tro zero. Siamo qui tutti insieme per dire no alla tra­sfor­ma­zione di un mono­po­lio in un duo­po­lio, per­ché non vogliamo che alle mafie si sosti­tui­scano le con­ces­sioni rila­sciate alle mul­ti­na­zio­nali del tabacco e del far­maco», continuano.

La richie­sta è solo una: «Riba­dire per malati e con­su­ma­tori il diritto a col­ti­vare una pianta».

Anche in que­sto 2015, con­tem­po­ra­nea­mente in circa 700 città del mondo torna l’annuale appun­ta­mento mon­diale anti­proi­bi­zio­ni­sta della Mil­lion Mari­juana March. L’edizione ita­liana, la 15esima, è in pro­gramma oggi,  sabato 9 mag­gio,  a Roma, a par­tire dalle ore 13, alla Città dell’altra eco­no­mia. La prima novità di quest’anno è pro­prio l’abbandono, gli orga­niz­za­tori ci ten­gono a spe­ci­fi­care «almeno per ora», della mani­fe­sta­zione in stile “street parade” per pas­sare ad una moda­lità stan­ziale, in una grande villa comu­nale. L’obiettivo di que­sta scelta è «impe­dire l’imperversare dei dipen­denti della camorra, che scor­raz­zano con i loro car­relli, bagna­role e ombrel­lini, ven­dendo bibite e altro, ma anche dei loro col­le­ghi afri­cani, che si aggi­rano espo­nendo grandi buste di erba in ven­dita, sem­pre di ori­gine nar­co­ma­fiosa, impos­si­bili da argi­nare in una mani­fe­sta­zione di decine di migliaia di per­sone dan­zanti tra i camion in movimento».

Nono­stante si chiami March (mar­cia), prima di Roma ave­vano già optato per que­sta scelta città come Lon­dra e Amster­dam, oppure l’Australia. Gli orga­niz­za­tori dell’edizione ita­liana vedono del resto come un «con­tro­senso fare un’iniziativa con­tro il sistema se poi den­tro ci ritro­viamo il sistema». Ed è dif­fi­cile dar­gli torto. Secondo motivo alla base delle scelta, unire la parte mani­fe­sta­zione, spet­ta­colo e musica a quella dei con­te­nuti, come i semi­nari e col­le­ga­menti video, «per­ché non siamo con­vinti che tutto il popolo anela alla col­ti­va­zione sia con­sa­pe­vole del rischio che corre in que­sta fase». Tema cen­trale di quest’anno, l’interesse dei mer­cati per la lega­liz­za­zione delle dro­ghe leggere.

«Dal mono­po­lio si sta pas­sando al duo­po­lio, in mano alle mafie e alle mul­ti­na­zio­nali, che spesso sono la stessa cosa, men­tre i pri­vati che col­ti­vano le pro­prie piante con­ti­nuano a finire in galera», denun­cia Ales­san­dro “Mefi­sto” Buc­co­lieri, sto­rico ani­ma­tore della rete ita­liana anti­pro. L’esempio lam­pante di que­sto mec­ca­ni­smo è il Canada, dove le quasi 40mila licenze ini­zial­mente rila­sciate ai cit­ta­dini in con­ces­sione gover­na­tiva sono state riti­rate per essere affi­date in esclu­siva ad alcune grandi società. «Il pro­blema è che restiamo sem­pre esclusi — con­ti­nua “Mefi­sto” — per­ché ci viene tolto il diritto di usu­fruire di una pianta che è un pezzo del patri­mo­nio bota­nico del pia­neta, di un bene comune, di una risorsa natu­rale. Il nostro modello di rife­ri­mento è quello dell’autoproduzione, dell’autogestione e dell’autorganizzazione. La nostra soli­da­rietà è col mondo delle reti con­ta­dine, verso tutte le forme di resi­stenza del nostro tempo, poi­ché abbiamo comuni nemici».

La Mil­lion 2015 sarà di con­se­guenza un’agorà nella quale oltre a 6 sound system, cibo e ban­chetti infor­ma­tivi, verrà alle­stita un’area dedi­cata a dibat­titi, inter­venti, pre­sen­ta­zioni di libri, labo­ra­tori e work­shops. Insieme alle asso­cia­zioni che si occu­pano di con­tra­stare gli effetti del proi­bi­zio­ni­smo e ai vari pro­dut­tori di canapa che la tra­sfor­mano in cibo, tes­suti, carta, bio­e­di­li­zia, cosme­tici e altro, sono state invi­tate tutte quelle realtà che nei ter­ri­tori difen­dono l’ambiente e la qua­lità della vita con­tro ince­ne­ri­tori, disca­ri­che, tri­velle, antenne, radar, pesti­cidi, impianti nocivi, ser­vitù mili­tari e “grandi opere” deva­sta­trici. Men­tre gli orga­niz­za­tori, dal canto loro, hanno ade­rito al movi­mento no-Expo, «in quanto ha come spon­sor Coca-Cola e McDonald’s, men­tre il nostro modello di rife­ri­mento è ad esem­pio il “genuino clan­de­stino”», precisano.

Dalla Mil­lion verrà infine lan­ciato un monito alla poli­tica: «Chiun­que vorrà legi­fe­rare in mate­ria, met­tendo al cen­tro, magari anche in maniera velata o non dichia­rata, gli inte­ressi del mer­cato e delle mul­ti­na­zio­nali con mec­ca­ni­smi di con­ces­sioni, come già avviene per alcol e tabacco, invece dei diritti delle per­sone che usano sostanze, indi­vi­duati ancora un volta come cittadini/clienti da spre­mere, ci tro­verà sulla loro strada».

C’è anti­ma­fia e anti­ma­fia, come ricorda spesso don Ciotti. Ce n’è una che fa della lega­lità un fetic­cio intan­gi­bile e un’altra che per­se­gue il cam­bia­mento, anche delle leggi ingiu­ste. C’è quella che si affida alla tor­tura del 41 bis e dell’ergastolo osta­tivo e quella che vor­rebbe si inve­stisse su cul­tura, edu­ca­zione, poli­ti­che sociali, respon­sa­bi­lità della politica.

C’è l’antimafia delle pas­se­relle e quella del buon senso. Quest’ultima, con la recente Rela­zione della Dna di Franco Roberti, ha bat­tuto un colpo. Tanto più signi­fi­ca­tivo data la fonte, certo non sospetta di «per­mis­si­vi­smo» o di «cul­tura dello sballo», per usare gli epi­teti con cui i tifosi della «war on drugs» usano stig­ma­tiz­zare chi non fa della tol­le­ranza zero verso i con­su­ma­tori di sostanze una crociata.

La Rela­zione annuale (datata gen­naio 2015 e rela­tiva al periodo 1° luglio 2013–30 giu­gno 2014), nel capi­tolo rela­tivo alla cri­mi­na­lità trans­na­zio­nale e al con­tra­sto del nar­co­traf­fico, giu­sta­mente prende le mosse dalla dimen­sione sta­ti­stica. Va detto che i numeri di rife­ri­mento, di fonte Unodc, non sono fre­schis­simi (2010–11, mar­gi­nal­mente 2012) e anche ciò è indi­ca­tivo di come all’enfasi allar­mi­stica di orga­ni­smi Onu non cor­ri­sponda poi uno sforzo ade­guato e tem­pe­stivo di moni­to­rag­gio, né una suf­fi­ciente esau­sti­vità: per quanto con­cerne le dro­ghe sin­te­ti­che, defi­nite «feno­meno in grande espan­sione che rap­pre­senta la nuova fron­tiera del nar­co­traf­fico», la Rela­zione Dna afferma che «né l’Unodc né altri orga­ni­smi inter­na­zio­nali dispon­gono di dati sicuri».

Ma, al là delle cifre e sia pure a par­tire da esse, la Rela­zione è netta nella valu­ta­zione: rite­nere che il traf­fico di dro­ghe «riguardi un popolo di tos­si­co­di­pen­denti, da un lato, e una serie di bande cri­mi­nali, dall’altro, è forse il più grave errore com­messo dal mondo poli­tico che, non a caso, ha model­lato tutti gli stru­menti inve­sti­ga­tivi e repres­sivi sulla base di que­sto stolto pre­sup­po­sto». Si tratta, invece, di feno­meno che riguarda e attra­versa l’intera società, la sua eco­no­mia, la tota­lità delle cate­go­rie pro­fes­sio­nali. Dun­que, ne con­se­gue, irri­sol­vi­bile con lo stru­mento penale.

Per quanto riguarda l’Italia, e in spe­cie le dro­ghe leg­gere, i ricer­ca­tori della Dna scri­vono di un «mer­cato di dimen­sioni gigan­te­sche», sti­mato in 1,5–3 milioni di chili all’anno di can­na­bis ven­duta. Una quan­tità, viene sot­to­li­neato, che con­sen­ti­rebbe un con­sumo di circa 25–50 grammi pro capite, bam­bini com­presi. Coe­rente la con­clu­sione: «senza alcun pre­giu­di­zio ideo­lo­gico, proi­bi­zio­ni­sta o anti-proibizionista che sia, si ha il dovere di evi­den­ziare a chi di dovere, che, ogget­ti­va­mente si deve regi­strare il totale fal­li­mento dell’azione repressiva».

Nel caso si volesse con­ti­nuare a fare al riguardo come le tre pro­ver­biali scim­miette, la Rela­zione non si sot­trae dall’indicare espli­ci­ta­mente, pur nel rispetto dei ruoli, la strada: «spet­terà al legi­sla­tore valu­tare se, in un con­te­sto di più ampio respiro (ipo­tiz­ziamo, almeno, euro­peo ) sia oppor­tuna una depe­na­liz­za­zione della materia».

Inu­tile dire che la Rela­zione è rima­sta sinora priva di rispo­ste da «chi di dovere».

La decen­nale per­vi­ca­cia dell’ideologia repres­siva, e del con­nesso grumo di inte­ressi, che con­di­ziona i governi di diverso colore e che ha pro­dotto, o tol­le­rato, l’obbrobrio della legge inco­sti­tu­zio­nale Fini-Giovanardi, è dura da estir­pare. Ma il buon senso e i fatti hanno la testa dura: il muro cri­mi­no­geno del proi­bi­zio­ni­smo si sta sgre­to­lando in più di un paese, come ha rie­pi­lo­gato qui Gra­zia Zuffa («il mani­fe­sto» dell’11 marzo 2015).

Verrà il momento anche dell’Italia, dove ancora, come diceva il com­pianto Gian­carlo Arnao, è proi­bito capire.

Una celebre immagine di Bob Marley

Per la prima volta la comu­nità rasta­fa­riana resi­dente in Gia­maica, che usa la mari­juana quasi come un pre­cetto reli­gioso, potrebbe fare il suo ingresso nella lega­lità. Ma anche chi (come ad esem­pio i turi­sti) ne fa un uso ludico, potrebbe ridurre sen­si­bil­mente il rischio di dover fare i conti con la giustizia.

Con­tra­ria­mente a quanto si potrebbe pen­sare, infatti, l’isola carai­bica non ha mai avuto una legi­sla­zione anti-proibizionista e, anzi, da alleata fedele degli Stati uniti ha sem­pre asse­con­dato le poli­ti­che repres­sive decise a Washing­ton sulla mate­ria. Ma ora le cose potreb­bero cam­biare. Il governo infatti ha pronto un pro­getto di legge in cui viene con­sen­tita per la prima volta la «modica quan­tità». Il prov­ve­di­mento rego­la­menta anche le licenze di col­ti­va­zione, ven­dita e distri­bu­zione della can­na­bis per uso tera­peu­tico. Ma san­ci­sce il divieto di fumare mari­juana nei luo­ghi pub­blici. La legge verrà pre­sen­tata in senato nei pros­simi giorni.

Una svolta, quella che si pro­fila nell’ordinamento giu­ri­dico dell’isola, che si inse­ri­sce nella linea di discon­ti­nuità — dopo decenni di fal­li­men­tare «war on drugs» ispi­rata e impo­sta dagli Usa — già trac­ciata da alcuni governi lati­noa­me­ri­cani. Mes­sico, Colom­bia e Argen­tina hanno depe­na­liz­zato il pos­sesso di modi­che quan­tità negli ultimi anni, il Gua­te­mala sta pen­sando a una legge che vada anche oltre e l’Uruguay ha appro­vato lo scorso anno una legge all’avanguardia che — unica al mondo — lega­lizza col­ti­va­zione, ven­dita e distri­bu­zione dell’«erba».


Il 2014 è stato l’anno della svolta nelle poli­ti­che sulla can­na­bis negli Stati Uniti. Lo rias­sume bene l’associazione ame­ri­cana 
Norml che da oltre qua­ranta anni si batte per la riforma della poli­tica delle dro­ghe sta­tu­ni­tense. ll paese pro­mo­tore del proi­bi­zio­ni­smo mon­diale si ritrova a fare i conti con la depe­na­liz­za­zione e la lega­liz­za­zione della ven­dita della mari­juana in almeno quat­tro impor­tanti stati della federazione.

L’anno era ini­ziato con l’apertura dei primi negozi per il com­mer­cio della mari­juana anche per uso ricrea­tivo in Colo­rado (gen­naio) e poi nello Stato di Washing­ton (luglio). I due stati ave­vano preso la loro irre­vo­ca­bile deci­sione in occa­sione delle ultime ele­zioni pre­si­den­ziali del 2012, gra­zie alla schiac­ciante vit­to­ria nei rela­tivi refe­ren­dum. A novem­bre 2014, in occa­sione delle ele­zioni di metà man­dato, anche i cit­ta­dini dell’Oregon, dell’Alaska e del distretto fede­rale della Colom­bia, il distretto della capi­tale Washing­ton, hanno appro­vato la depe­na­liz­za­zione dell’uso della mari­juana a scopo ricrea­tivo. Ancora, a feb­braio, un impor­tante passo avanti: il Con­gresso ha rico­no­sciuto l’autonomia degli stati in mate­ria di poli­tica della droga, ponendo fine al con­flitto con i poteri cen­trali, visto che la nor­ma­tiva sulle dro­ghe è di com­pe­tenza federale.

Ed anche il Pre­si­dente Barack Obama è inter­ve­nuto per limi­tare la pos­si­bi­lità che il Dipar­ti­mento di Giu­sti­zia possa adot­tare misure penali con­tro coloro che agi­scono nel rispetto delle leggi sulla mari­juana medica negli stati che le hanno approvate.

Oltre i con­fini degli stati pio­nieri, il vento della riforma scuote tutta l’America. In un’indagine del Wall Street Jour­nal e un son­dag­gio di NBC News, nel marzo 2014,  gli inter­vi­stati dichia­rano che il con­sumo di can­na­bis com­porta meno danni alla salute di quanto non fac­cia il con­sumo di tabacco, l’alcol, o l’eccesso di zuc­chero. Il giu­dice distret­tuale Kim­berly Muel­ler ha avviato in otto­bre le pro­ce­dure per dimo­strare l’incostituzionalità della pre­senza della mari­juana nella Tabella I della legge anti­droga, sup­por­tata dalle evi­denze scien­ti­fi­che che con­tra­stano con la defi­ni­zione della can­na­bis come «sostanza che crea una grave dipen­denza», «con alto poten­ziale di abuso» e «senza usi utili alla medicina».

Nel frat­tempo negli stati che hanno lega­liz­zato la mari­juana per usi medici, sono dimi­nuiti i morti per over­dose da oppia­cei  come docu­men­tato dallo stu­dio della testata medica Jama Inter­nal Medi­cine, pub­bli­cato in ago­sto;  men­tre già in aprile, sulla rivi­sta Plos one, si dimo­strava come in que­gli stessi stati fos­sero dimi­nuiti omi­cidi ed aggres­sioni. Tutto que­sto senza con­si­de­rare l’introito che deriva dalla tas­sa­zione delle ven­dite della mari­juana libe­ra­liz­zata, che nel solo Colo­rado, da gen­naio ad ago­sto, ha reso qua­ran­ta­cin­que milioni di dol­lari: soldi in più a dispo­si­zione della comu­nità che potranno essere inve­stiti in istru­zione e pro­getti sociali.

In Ita­lia, l’accordo fra i mini­steri della Salute e della Difesa per l’avvio della col­ti­va­zione per uso medico della canapa da parte dell’Istituto Far­ma­ceu­tico Mili­tare di Firenze sem­bra già impan­ta­nato nel labi­rinto buro­cra­tico. La depe­na­liz­za­zione della col­ti­va­zione ad uso per­so­nale, solu­zione sem­plice e razio­nale, rimane bloc­cata in Par­la­mento, men­tre il mer­cato nero che forag­gia anche la cri­mi­na­lità cre­sce costan­te­mente seguendo il trend di con­sumo della can­na­bis in aumento in tutta l’Europa.

Il 2014 negli Stati Uniti dimo­stra che forse l’insensata e fal­li­men­tare guerra alla droga volge final­mente al ter­mine ed è tempo anche in Ita­lia di supe­rare l’impostazione proi­bi­zio­ni­sta, tro­vando solu­zione nuove ad una que­stione che coin­volge migliaia di cittadini.

Le varie parti in causa del nostro pia­neta stanno arro­tando i lun­ghi col­telli in vista di Ungass 2016, l’Assemblea gene­rale dell’Onu sulle dro­ghe che dovrà deci­dere se con­ge­lare tali e quali (o con ritoc­chi di poco conto) le attuali con­ven­zioni inter­na­zio­nali, ovvero modi­fi­carle in modo sostan­ziale; e la can­na­bis, al solito, sarà nell’occhio del ciclone.
A parte i noti posi­tivi svi­luppi in vari paesi euro­pei e nelle Ame­ri­che, pare di note­vole inte­resse la pur cauta evo­lu­zione della situa­zione sviz­zera. Infatti la Con­fe­de­ra­zione, anche se non è mem­bro Ue, sta pro­prio die­tro l’angolo di casa nostra, ed è da sem­pre assi­dua­mente fre­quen­tata per diversi motivi da molti nostri con­cit­ta­dini: dagli anar­chici di «Addio Lugano bella», ai per­se­gui­tati dai nazi­fa­sci­sti; dagli emi­granti con le valige di car­tone di «Pane e cioc­co­lato», ai cor­rieri di valuta e ai vacan­zieri di diverse classi sociali, su su sino ai Pape­roni grif­fati che si esi­bi­scono a Saint Moritz o a Crans-Montana.

La Sviz­zera, com’è noto, qual­che anno fa modi­ficò la sua nor­ma­tiva sulle dro­ghe con una buona legge detta dei quat­tro pila­stri così defi­niti nel testo uffi­ciale: 1. pre­ven­zione, 2. tera­pia e rein­se­ri­mento, 3. ridu­zione dei danni e aiuto alla soprav­vi­venza (sic), 4. con­trollo penale — quest’ ultimo mirato alle atti­vità cri­mi­nali vere e pro­prie, piut­to­sto che ai con­su­ma­tori, sui quali ormai si chiude un occhio, o al mas­simo si affib­biano sop­por­ta­bili ammende (100 fran­chi, circa 80 euro). Ora gli elve­tici stanno muo­vendo ulte­riori passi in avanti
(http://?www?.swis?sinfo?.ch/?e?n?g?/?c?a?n?n?a?b?i?s?-?l?e?g?a?l?i?s?a?t?i?o?n?-?r?e?t?u?r?n?s?-?t?o?-?s?w?i?s?s?-?a?g?e?n?d?a?/?4?1?1?198 ): cioè la stessa Ruth Drei­fuss, che come mini­stro degli interni pro­mosse la sud­detta legge, pro­pone di avviare nelle prin­ci­pali città un espe­ri­mento pilota con l’apertura di Can­na­bis Social Club (Csc), dove i mag­gio­renni sarebbe auto­riz­zati a con­su­mare can­na­bis in santa pace. Signi­fi­ca­tivo è il metodo con cui viene affron­tato il pro­blema: cioè così come la legge dei quat­tro pila­stri era stata il frutto di accu­rate valu­ta­zioni di pre­ce­denti espe­rienze (per esem­pio quella di ridu­zione del danno a Zurigo), ora il pro­blema di una even­tuale futura lega­liz­za­zione della can­na­bis viene affi­dato in prima bat­tuta a un gruppo di lavoro di esperti dele­gati a dise­gnare le carat­te­ri­sti­che del pro­getto pilota, a pro­gram­mare le suc­ces­sive valu­ta­zioni «ad avan­za­mento» per accer­tarne bene­fici e rischi.

Gli oppo­si­tori natu­ral­mente non man­cano, dagli atti­vi­sti delle asso­cia­zioni proi­bi­zio­ni­ste, che volan­ti­nano strade e piazze reg­gendo in mano moc­coli accesi, ai poli­tici di destra che fanno ester­na­zioni ter­ro­ri­sti­che. Ma il clima pre­va­lente è comun­que assai diverso da quello del nostro paese, dove si è giunti a inven­tarsi inu­tili tor­tuose lun­gag­gini pur di intral­ciare l’applicazione delle norme sulla can­na­bis tera­peu­tica. E que­sto, a fronte delle solide evi­denze scien­ti­fi­che che con­sen­ti­reb­bero l’imbocco di una via diret­tis­sima age­vol­mente per­cor­ri­bile, come la for­ni­tura al Far­ma­ceu­tico Mili­tare di Firenze di «mate­rie prime» con spe­ci­fici pro­fili di prin­cipi attivi, tratte dalla ricca col­le­zione del Cen­tro di ricerca per le col­ture indu­striali di Rovigo. Evi­denze, va inol­tre pre­ci­sato, non solo dell’efficacia in diverse con­di­zioni pato­lo­gi­che — soprat­tutto ma non sol­tanto le diverse neu­ro­pa­tie e gli stati di grave males­sere da tera­pie onco­lo­gi­che — ma anche dei van­taggi e dei minori costi di pro­dotti e vie di auto­som­mi­ni­stra­zione più vicini al «natu­rale», come l’aspirazione attra­verso il pal­lon­cino dei vapori di can­na­bis «riscal­data».
Ma ahi­noi, il breve tun­nel tra Como e Chiasso sem­bra sbar­rato; quindi, per ora, arri­ve­derci spe­riamo a pre­sto, Lugano bella.

marijuana-ref

marijuana-ref

Sono passati i tre referendum per il suo utilizzo a scopo medico e ricreativo, in Florida non è stato raggiunto il quorum

Oltre alle elezioni di metà mandato, che hanno visto una netta vittoria dei repubblicani, negli Stati Uniti martedì 4 novembre si sono tenuti referendum di iniziativa popolare su diversi temi: l’attenzione dei media e dell’opinione pubblica si è concentrata soprattutto su quelli per lalegalizzazione della marijuana a scopo ricreativo in Oregon, Alaska e nel District of Columbia, e per il suo utilizzo a scopo medico in Florida.

Oregon – Sì
I cittadini dell’Oregon hanno approvato con oltre il 54 per cento l’utilizzo della marijuana a scopo ricreativo. Ciascun cittadino con più di 21 anni di età può quindi possedere circa due etti di marijuana e può coltivarla in proprio (massimo sei piante). L’approvazione del referendum rende inoltre possibile la vendita e la coltivazione della marijuana a fini commerciali. Un provvedimento simile era stato votato e respinto nel 2012. Nei primi anni Settanta l’Oregon fu tra i primi stati a depenalizzare il possesso di piccole quantità.

Washington, D.C. – Sì
Con circa il 70 per cento di voti favorevoli, nel District of Columbia è stata approvata l’Initiative 71. Ogni cittadino con più di 21 anni può quindi possedere un massimo di 55 grammi di marijuana e può coltivare in casa fino a sei piante del prodotto. La norma approvata non consente tuttavia la produzione e la vendita a scopo commerciale, a causa di alcune limitazioni dovute a come funziona la regolamentazione del commercio: agli elettori non è consentito votare referendum che tra le altre cose stabiliscano sistemi di tassazione.

Florida – No
Oltre il 57 per cento degli elettori ha votato a favore di una proposta per rendere legittimo l’utilizzo della marijuana a scopi medici, ma non essendo stato superato il quorum richiesto del 60 per cento il referendum non è passato. La proposta prevedeva che le persone con malattie debilitanti come tumori, sclerosi multipla, AIDS e morbo di Parkinson potessero fare ricorso alla marijuana per alleviare i sintomi.

Alaska – Sì
In Alaska gli elettori hanno approvato una proposta di legge per permettere a ogni cittadino con più di 21 anni di possedere al massimo una trentina di grammi di marijuana e di coltivarne 6 piante. È prevista anche la possibilità di coltivare e vendere a fini commerciali la cannabis. Formalmente dal 1998 in Alaska è consentito l’utilizzo della marijuana a scopo terapeutico, ma non ci sono centri dove i pazienti con regolare prescrizione medica la possono recuperare a causa delle scelte di numerosi politici conservatori locali. Di conseguenza da anni i pazienti sono costretti ad acquistare la marijuana sul mercato nero.

Guam – Sì
Si è votato un referendum sulla marijuana anche a Guam, l’isola nell’oceano Pacifico occidentale che ha uno statuto di territorio non incorporato degli Stati Uniti. Con il 56 per cento circa di voti a favore,è stata approvata una proposta che rende legittimo l’utilizzo della marijuana a scopo medico. Spetterà ora al governo locale la produzione di una legge e dei regolamenti necessari come indicato dagli elettori.

La legge federale degli Stati Uniti proibisce l’utilizzo, la vendita e il possesso della marijuana. Tuttavia, negli ultimi anni molti stati hanno adottato autonomamente leggi e regolamenti che permettono eccezioni alla regola generale, depenalizzandola e consentendo l’utilizzo della cannabis per scopi medici o ricreativi. Oltre agli stati in cui si sono svolti i referendum martedì, l’utilizzo a scopo ricreativo della marijuana è permesso nello stato di Washington e nel Colorado. I contenziosi tra livello federale e livello statale si sono ridotti in seguito alla decisione nel 2012 da parte dello stato federale di non opporsi ai provvedimenti sulla legalizzazione della cannabis nei singoli stati.

Sign In

Reset Your Password