Milano nera, la seconda volta di Marine Le Pen

Le Pen

Raduni. Il 28 gennaio la presidente del Front National con Salvini, l’estrema destra e i discendenti dei Romanoff. Il precedente del 2011

Matteo Salvini, segretario della Lega Nord ed europarlamentare, ha da tempo annunciato a Milano l’indizione, dal 28 al 29 gennaio (in una sala del centro congressi della Fiera in piazza Carlo Magno), di un convegno sull’Europa («Più liberi, più forti, un’altra Europa è possibile») con i rappresentanti degli otto partiti dell’eurogruppo Enf-Europa delle nazioni e della libertà, di cui la Lega fa parte, e la partecipazione di alcuni esponenti del partito di Putin al potere in Russia. «Proporremo la nostra idea di Europa, di lavoro, di confini, di immigrazione e di futuro», ha detto, aggiungendo con orgoglio che «sarà la prima volta di Marine Le Pen in Italia». Ricordiamo che Salvini era già stato ospite del congresso del Front National a Lione nel 2014, e che in tale occasione la signora aveva dichiarato: «A volte vado in estasi davanti alla sua forza e alla sua bravura».

A Salvini dobbiamo però obiettare che non è vero che Marine Le Pen verrebbe in Italia per la prima volta. C’era già venuta alcuni anni fa e vediamo con chi.

Il 21 ottobre 2011 a Milano fu organizzato un convegno, anche questo sull’Europa, e Marine Le Pen ne costituiva il pezzo forte (insieme con Daniela Santanché). Come riportato sul giornale online «atuttadestra?.net», il convegno si era svolto «a Palazzo Mezzanotte (sede della Borsa di Milano e splendido esempio di architettura fascista)», a porte chiuse «per ragioni di sicurezza», come sarà quello con Salvini quest’anno. Citando ancora dalla stessa fonte: «Era stato organizzato dalla Associazione Vox Populi di Roberto Perticone e dalla Fondazione Radici Europee di Diego Zarneri». All’iniziativa aveva «subito aderito, con entusiasmo, Roberto Jonghi Lavarini, da sempre “lepenista convinto”».

Di Roberto Perticone veniva detto che è «un noto esponente della destra sociale lombarda, già dirigente missino, poi di An, ex Segretario Regionale de La Destra di Francesco Storace, esperto di Ezra Pound, e di relazioni internazionali, amico personale della famiglia Le Pen». La cronaca continuava così: «All’incontro, oltre a decine di giornalisti, erano presenti anche alcuni selezionati esponenti politici, forniti di invito numerato e nominale, fra questi: Attilio Carelli (Dirigente Nazionale del Movimento Sociale Fiamma Tricolore, guidato da Luca Romagnoli, unico movimento politico italiano ufficialmente alleato del Front National)» (questo nel 2011, ndr) Generoso Melorio, Massimo Parise e Valeria Valido (dirigenti del Movimento per l’Italia), Franco Seminara (del sindacato nazionale Unione Generale del Lavoro), Francesco Filippo Marotta e Mario Mazzocchi Palmieri (del comitato Destra per Milano), Flavio Nucci (del movimento Destrafuturo), Carlo Lasi (segretario del movimento Patria Sociale), il Prof. Giuseppe Manzoni di Chiosca (presidente del Centro Studi Europa 2000) e storici militanti della destra milanese come Remo Casagrande» (lo squadrista deceduto nell’ottobre 2015) «e la contessa Elena Manzoni di Chiosca e Poggiolo (una delle promotrici della “maggioranza silenziosa”)». Perticone e Antonio Spadavecchia entrambi dirigenti di Vox Populi in quell’occasione deprecavano che esponenti del Pdl e della destra post-missina non avevano voluto esporsi, a differenza di Daniela Santanché, di cui si lodava quindi l’anticonformismo e il coraggio.

Marine Le Pen quindi in Italia c’era già stata, a dispetto di quel che afferma Matteo Salvini, a trattare gli stessi argomenti e propagandare gli stessi contenuti. E il parterre era il fior fiore del neofascismo nostrano.

Le organizzazioni antifasciste locali in tale occasione avevano indetto un presidio, contestando il fatto che il Comune avesse concesso una sala pubblica.

Di Diego Zarneri, esponente di Radici Europee, osserviamo che nel 2012 celebrava il 25 aprile pubblicando sulla sua pagina Facebook un manifesto con lo slogan: «Gli eroi son tutti giovani e belli. Ai ragazzi di Salò». Al convegno del 2011 Zarneri si era fatto fotografare con Marine Le Pen. La leader del Front national aveva poi posato per i fotografi accanto anche a Roberto Jonghi Lavorini, notissima figura storica della destra istituzionale ed extraistituzionale, tra i fondatori di Cuore nero, che a «Zanzara Radio 24», il 15 maggio 2015, aveva dichiarato: «Il saluto fascista? L’ho insegnato alle mie tre figlie. E’ un saluto solare, igienico, bello. E’ un gesto splendido d’amore». E ancora: «In realtà, il fascismo è apprezzato dalla maggioranza degli italiani. È assolutamente evidente. Il duce e il fascismo piacciono, gli italiani ne hanno un buon ricordo e non a caso ci sono molti calendari del duce, circa cinque milioni nelle case e negli esercizi commerciali. Non ci sono calendari di Togliatti o di Don Sturzo».

Insomma, Salvini oggi si allea all’immagine “vincente”, a suo modo “ripulita”, di Marine Le Pen. Ma di ripulito c’è proprio poco. E neanche di nuovo, visto che Marine Le Pen a Milano c’era già venuta, ospite del fior fiore dell’estrema destra nostrana, che da parte sua ha già annunciato (non poteva essere diversamente) la partecipazione anche a questo convegno. Contestualmente è per altro previsto un incontro di Marine Le Pen con Luca Romagnoli (Destra sociale) e Carlo Fidanza (Fratelli d’Italia). Ancora una volta leghisti e fascisti si ritroveranno assieme.

Un’ultima curiosità, visto che i putiniani sono oggi tra gli interlocutori privilegiati della Lega e Putin è correntemente chiamato lo “Zar”, vuole il caso che nello stesso periodo a Milano, dal 26 al 28 gennaio, come ci informa ancora «atuttadestra», al convegno farà la sua apparizione anche «Sua Altezza Imperiale il Principe George Romanov, Granduca di Russia e Capo della Casa Imperiale, ambasciatore della cultura russa nel mondo (in piena collaborazione ufficiale con il governo russo ed il presidente Vladimir Putin), per una serie di importanti e strategici incontri con i rappresentanti delle istituzioni, della politica, dell’aristocrazia e, soprattutto, del mondo economico, professionale ed imprenditoriale lombardo». Insomma, Putin, chiamato lo “Zar” nell’occasione richiama in servizio un discendente (vero o presunto) del “vero” Zar…

****

Riceviamo e pubblichiamo la seguente smentita e richiesta di rettifica:

Gentile Direttore

Cc Spettabile Redazione

Cc Spettabile Ufficio Legale

Gentile Direttore,

Leggiamo con disappunto che nell’articolo ‘’Milano nera, la seconda volta di Marine Le Pen’’, firmato dai vostri giornalisti Saverio Ferrari e Marinella Mandelli e pubblicato sul sito internet Micciacorta.it,  nell’edizione del 26 gennaio 2016. Nella versione on-line, nello specifico al link : https://www.micciacorta.it/2016/01/21227/ viene data la falsa notizia dell’adesione del Granduca di Russia al Convegno dell’Enf-Europa a Milano.

Più in particolare nella parte:

“Un’ultima curiosità, visto che i putiniani sono oggi tra gli interlocutori privilegiati della Lega e Putin è correntemente chiamato lo “Zar”, vuole il caso che nello stesso periodo a Milano, dal 26 al 28 gennaio, come ci informa ancora «atuttadestra», al convegno farà la sua apparizione anche «Sua Altezza Imperiale il Principe George Romanov, Granduca di Russia e Capo della Casa Imperiale, ambasciatore della cultura russa nel mondo (in piena collaborazione ufficiale con il governo russo ed il presidente Vladimir Putin), per una serie di importanti e strategici incontri con i rappresentanti delle istituzioni, della politica, dell’aristocrazia e, soprattutto, del mondo economico, professionale ed imprenditoriale lombardo». Insomma, Putin, chiamato lo “Zar” nell’occasione richiama in servizio un discendente (vero o presunto) del “vero” Zar… ‘’

Dobbiamo precisare che si tratta di informazioni errate perché S.A.I. il Granduca di Russia George Romanoff si trovava a Milano per motivi esclusivamente istituzionali, professionali e privati che nulla hanno a che fare con la politica e,  nello specifico, il Granduca George Romanoff, mai ha  annunciato la sua partecipazione ne’ ha mai incontrato con l’Onorevole Marine Le Pen e con l’On. Salvini. Ne tantomeno a preso parte alla manifestazione dell’ Eurodestra giovedi’ 28 gennaio, come erroneamente riportato sul Vostro giornale. Tanto è vero che in concomitanza con il suddetto evento, il Granduca di Russia ha presenziato al Convegno di economia ‘’Russia : il tempo delle opportunità’’   presso lo studio Legale Grimaldi e successivamente a un ricevimento privato in suo onore in provincia di Como.

Dette affermazioni sono certificate e ampliamente comprovabili da numerosissime immagini e da molteplici testimonianze.
Per queste ragioni, ai sensi dell’art 8 della legge 8 febbraio 1948 n.47, Disposizioni sulla Stampa, Vi invitiamo a voler provvedere alla rimozione dei contenuti riguardanti il Granduca di Russia con il dovuto rilievo e a fare in modo che tale notizia non compaia piu’ negli archivi Web.
Si chiede pertanto la cancellazione di quanto scritto in riferimento al Granduca George Romanoff.
Certo della vostra collaborazione, vi porgiamo i miei più cordiali saluti
Mariofilippo Brambilla di Carpiano,  Portavoce di S.A.I. il Granduca George Romanoff – Russian Imperial Foundation
Viale Piave 28 – 20129 – Milano
mariofilippo@imperialfoundation.com

Avv. S. Alessandro Verga Ruffoni, Legale di S.A.I. il Granduca George Romanoff
Via San Maurilio 18 – 20123 – Milano / Via dei Casali dei Santovetti 50 – 00165 – Roma
ruffoni14@gmail.com

You may also like

0 comments

Leave a Reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Sign In

Reset Your Password