tribunale di torino

Torino. Nel 2012 Davide Falcioni realizzò un reportage sull'occupazione di una società impegnata nei lavori dell'alta velocità

Val Susa. Concluso il processo per gli scontri del 28 giugno 2015 a Chiomonte, pagano in 16. Il movimento: «È un attacco preciso, per quello che siamo»

Val di Susa. Per gli scontri durante la manifestazione del luglio 2015, chiesti 70 anni complessivi di pena. Per la 72enne Nicoletta Dosio e altre sedici persone

Condanna per Davide Falcioni. Documentò lo srotolamento di uno striscione. Il pm: doveva aspettare la polizia
no tav

Val di Susa. Dopo gli arresti gli attivisti si organizzano. Tra i più giovani spopolano Nicoletta e Marisa: le militanti over 70 hanno già conquistato i social
no tav

I due pesi della magistratura . Corsia preferenziale per i processi ai No Tav, mentre i reati da essi denunciati vengono trattati con tempi compatibili con la prescrizione
Esposito

No Tav. Il tribunale di Torino: «Avvertimenti trasversali tipici di situazioni ai limiti della legalità»
No TAV

Movimenti. Dalla magistratura torinese una prova di incomprensibile accanimento accusatorio. Ora si volti pagina

Torino. Confermate in appello le altre accuse

La sen­tenza del Tri­bu­nale di Torino non lascia adito a dubbi: affer­mare che «la Tav va sabo­tata» non è un reato ma un’opinione, affi­data al dibat­tito poli­tico e non alle cure di giu­dici e pri­gioni

Sign In

Reset Your Password