URSS

Intervista. Le considerazioni di Aldo Agosti intorno all'anniversario della fondazione dell'Internazionale Comunista

La stagione infranta. Non fu una pagina gloriosa per i comunisti italiani quella del «nuovo corso» socialista in Cecoslovacchia

Il programma comunista della svolta chiedeva che nei collettivi nascessero organismi di democrazia diretta per la gestione del lavoro e della produzione. Ne nacquero 120, anche nelle mega-fabbriche e furono attivi fino alla fine del 1969, quando furono aboliti perché ...

PASSATO PRESENTE. Intervista con l’autore della biografia del bolscevico, poeta e assassino. «Con questo mio libro mi sono interrogato su cosa significhi davvero la narrazione di una vita»

Abbiamo bisogno di una nuova dialettica movimenti/partito

1917-2017. Il 1917 è conseguenza del 1914. Senza la grande guerra non ci sarebbe stata la grande rivoluzione. E la cosa da ricordare è che la prima rivendicazione fu la pace

Emilia. I dieci giorni bolscevichi che sconvolsero il mondo, videro la solidarietà di un paese emiliano, che Lenin ringraziò.

L’addio allo scrittore del Dottor Zivago ostracizzato dall’Urss

«Abbiamo quaranta fucili compagno colonnello», di Sándor Kopácsi per e/o. La storia di un paese in fiamme tra fatti privati e politici

Narrativa ungherese. Forse furono proprio le sue origini popolari a spingere Sandor Kopacsi a schierarsi dalla parte dei ribelli, contro ogni ordine: «Abbiamo quaranta fucili compagno colonnello», da e/o

Sign In

Reset Your Password